Gli atleti diabetici alla Milano 21 Half Marathon: il diabete non ci ferma.

Diabete e sport: un connubio possibile, anzi vitale, per gli oltre 4 milioni di italiani che convivono con la malattia. Lo sanno bene i runner dell’Associazione Nazionale Atleti Diabetici che parteciperanno alla Milano 21 Half Marathon del prossimo 25 novembre con una folta delegazione di atleti e con il Team FreeStyle, un’iniziativa educativa e informativa unica, condotta in collaborazione con Abbott, affinché il movimento e lo sport entrino a far parte della vita delle persone con diabete.
Per i diabetici che praticano un’attività sportiva, è importante rispettare alcuni accorgimenti e controllare sempre i valori della glicemia prima, durante (se l’allenamento è molto lungo) e dopo l’esercizio fisico. Gli atleti del Team FreeStyle proveranno le opportunità offerte da una innovativa piattaforma digitale di Abbott. Ogni runner indosserà un piccolo sensore circolare che si applica sulla parte posteriore del braccio e che misura il glucosio nei fluidi interstiziali senza dover pungere il dito (FreeStyle Libre). Sarà sufficiente far passare sul sensore il proprio smartphone iPhone o Android per consentire agli atleti di controllare il glucosio con una app (LibreLink) e condividere in tempo reale i dati glicemici con un team di esperti Aniad attraverso un sistema sicuro basato sul cloud (LibreView). Il team medico, sulla base delle informazioni ricevute dal sensore, darà dei preziosi consigli al singolo atleta per l’eventuale correzione della terapia o l’assunzione di un integratore, permettendogli di concentrarsi esclusivamente sulla gara.
Il tutto in diretta web, per un’iniziativa di sensibilizzazione che nasce dalla certezza che il diabete non deve essere considerato un limite nella pratica di un’attività sportiva e in generale nella vita.
“Nonostante gli enormi progressi fatti negli ultimi decenni sul versante della formazione e dell’informazione, anche grazie al contributo delle Associazioni e di Medici lungimiranti, oggi ancora troppe persone pensano che questa malattia ponga un limite a ciò che si può fare – dichiara Marcello Grussu, Presidente A.N.I.A.D. – I runner del Team  FreeStyle ci spingono a rivedere questo preconcetto e a volgere lo sguardo oltre i limiti. Grazie alle nuove tecnologie, meno invasive, più pratiche e sempre più smart, è possibile condurre una vita normale e magari ottenere risultati sportivi di rilievo che non hanno nulla da invidiare ai non diabetici.”

Segui insieme a noi la diretta streaming dell’evento il 25 novembre e lasciati ispirare dagli atleti del Team FreeStyle per intraprendere nuove ed emozionanti sfide!
Su Facebook: https://www.facebook.com/aniad.org/ o https://www.facebook.com/FreeStyleAbbott/