Corsi di formazione rivolti a medici e operatori sanitari per un approccio mininvasivo per la chirurgia dell’ernia

       Al via il programma di formazione Acoi (Associazione Chirurghi Ospedalieri Italiani) per la chirurgia dell’Ernia, Colorettale e Bariatrica. A poco più di un anno dal lancio di Impact, la strategia educazionale di Medtronic per la formazione dei medici e del personale sanitario, Medtronic ha deciso di supportare la Società Scientifica ACOI in tre innovativi percorsi formativi.

È partito in questi giorni il percorso dedicato alla chirurgia mininvasiva dell’ernia e, a seguire, partiranno quelli del colon-rettale e della chirurgia bariatrica supportati nell’ambito del programma formativo Medtronic Impact e organizzati dall’Associazione Chirurghi Ospedalieri Italiani – ACOI. Il bando per la partecipazione sarà a breve disponibile sul sito www.acoi.it. Si tratta di una formazione sanitaria basata sul valore e sul concetto di “paziente al centro”.

“Un programma formativo virtuoso – spiega Valeria Sorrentino, Marketing Director Surgical Innovation Italia – con cui Medtronic supporta un’importante Società Scientifica come ACOI e finalizzato a una formazione di valore. Tutto questo grazie a un programma formativo innovativo che sfrutterà anche supporti digitali e aule virtuali, training online, realtà aumentata, studio di casi da remoto, e che per la prima volta permetterà di misurare gli outcome derivanti dalla formazione”.

ACOI è da sempre impegnata nella formazione post-laurea – ha dichiarato il professor Pierluigi Marini, Presidente ACOI -. Crediamo che serva un intervento incisivo nel settore della chirurgia laparoscopica e mininvasiva del colon che, seppur sottoutilizzata e non adeguatamente praticata in tutte le Regioni italiane, le evidenze scientifiche dicono essere il gold standard di trattamento. Nascono da questa esigenza le sessioni di training volte a perfezionare l’approccio di presa in carico del paziente al fine di garantire un adeguato trattamento nelle diverse strutture sanitarie così da ridurre il fenomeno del turismo sanitario”.

Le sessioni sono rivolte a medici e personale sanitarioequipe di chirurghi generali, anestesisti e strumentisti e a chiunque voglia perfezionare il proprio approccio di presa in carico del paziente, dalla scelta del trattamento alla gestione post-operatoria.

Specifiche sessioni formative nate per promuovere un’adozione sempre più diffusa della chirurgia mininvasiva in Italia, oggi utilizzata solo in circa il 30% dei casi, rispetto al dato medio europeo di 35% (con picchi del 60% come in UK). Per farlo, è necessario innanzitutto sostenere i protocolli cosiddetti “fast track”, ovvero la gestione e cura intensiva del paziente tramite un impegno multidisciplinare e un coinvolgimento dell’individuo stesso, tenendo conto del suo “contesto sociale”.

Diversi percorsi formativi dedicati alle equipe che partecipano ai corsi. Uno dedicato all’ernia inguinale e addominaleUno alla chirurgia laparoscopica del colon retto dove sono, inoltre, previsti interventi di tutor anestesisti, che approfondiranno il tema della gestione delle vie aeree, con particolare attenzione all’intubazione video-guidata e all’utilizzo del sistema per il monitoraggio della profondità dell’anestesia, così come previsto dal protocollo ERAS (Enhance Recovery After Surgery Society).

Il terzo percorso formativo tratterà invece la chirurgia dell’obesità e si focalizzerà principalmente sulla gestione delle complicanze. Anche in questo caso i discenti non saranno i soli chirurghi, ma l’equipe multidisciplinare che nella vita di tutti i giorni gestisce questo particolare paziente.

IL PROGRAMMA FORMATIVO

 Il programma formativo parte dalla constatazione che, a differenza di altri paesi europei, la diffusione della laparoscopia in Italia è del tutto carente, mentre nel mondo rappresenta il trattamento elettivo per alcune patologie. Questa importante differenza alimenta un inevitabile turismo sanitario, creando un danno a tutti i pazienti che sono costretti a spostarsi per ottenere un adeguato trattamento. Per tale motivo, sono stati attivati alcuni corsi di chirurgia laparoscopica che mirano a formare chirurghi là dove il Programma Nazionale Esiti dell’AGENAS ha documentato carenze correggibili. Dopo una valutazione dei numeri, sono stati contattati i Direttori delle singole UOC selezionate e i Direttori Aziendali che hanno effettuato la scelta del personale da formare, garantendo il successivo necessario supporto per l’applicazione e lo sviluppo di quanto appreso con ACOI. Al contempo,Medtronic Impact supportando il progetto permette la partecipazione del professionista medico, sia come chirurgo che come manager, con un approccio che va oltre gli schemi tradizionali dell’area healthcare. Grazie a una formazione ampia, infatti, Medtronic è convinta di poter migliorare gli “esiti” clinici dei pazienti, misurando i risultati sui benefici e sul valore generato in un’ottica di accessibilità e sostenibilità. Medtronic Impact prevede, inoltre, esperienze di training online ‘immersive’ e sessioni face to face. Un portale web dedicato consente ai singoli operatori sanitari di accedere a percorsi individuali, sulla base delle proprie esigenze. A questa piattaforma sono associate aule virtuali, realtà aumentata e l’opportunità di osservare casi in remoto, per far vivere l’esperienza formativa come la più ricca e articolata possibile.

Medtronic plc

Medtronic plc (www.medtronic.com), con sede a Dublino, è tra le più grandi aziende al mondo ad offrire tecnologie mediche, servizi e soluzioni in grado di alleviare il dolore, ridonare salute e prolungare la vita di milioni di persone in tutto il mondo. Medtronic impiega più di 85.000 persone e rende disponibili le sue terapie a clinici, ospedali e pazienti in 160 paesi. L’obiettivo di Medtronic è quello di collaborare con gli stakeholder di tutto il mondo per contribuire in modo sinergico ad incrementare l’efficienza dei Sistemi Sanitari.