I risultati dello studio INMARK suggeriscono il trattamento tempestivo per la fibrosi polmonare idiopatica

I risultati dello studio INMARK® sono stati pubblicati su Lancet Respiratory Medicine 1

Il trattamento con nintedanib, rispetto al placebo su 12 settimane non ha influenzato il tasso di variazione del biomarcatore CRPM, ma è stato associato a una riduzione del tasso di declino della capacità vitale forzata (FVC)1

I pazienti con funzionalità polmonare ben preservata hanno dimostrato un declino della FVC equivalente a quello dei pazienti con peggiore funzionalità polmonare al basale in studi precedenti
Ingelheim, Germania, 18 luglio 2019 – Il 17 luglio scorso sono stati pubblicati su Lancet Respiratory Medicine i risultati di INMARK®, studio clinico randomizzato in doppio cieco di valutazione di nintedanib contro placebo (12 settimane), seguito da un periodo di studio in aperto (40 settimane) in pazienti con fibrosi polmonare idiopatica (FPI). INMARK® è stato il primo studio clinico a indagare il valore predittivo dei biomarcatori in pazienti affetti da FPI, trattati con un antifibrotico (nintedanib). I risultati dello studio forniscono ulteriori evidenze secondo le quali, persino in soggetti con funzionalità polmonare ancora ben preservata la terapia con nintedanib ottiene benefici in termini di rallentamento del declino della capacità vitale forzata, come ha dimostrato nel periodo di trattamento di 12 settimane confronto al placebo.

La fibrosi polmonare idiopatica è una malattia polmonare rara, invalidante e dall’esito infausto, che colpisce circa 3 milioni di persone nel mondo.3 La malattia causa formazione di tessuto cicatriziale a livello polmonare con conseguente deterioramento progressivo e irreversibile della funzionalità polmonare e difficoltà respiratorie.4 Data la natura imprevedibile della malattia e l’irreversibilità della perdita di funzionalità polmonare, gli specialisti ritengono opportuno considerare e avviare tempestivamente la terapia nei pazienti.

INMARK® ha valutato il tasso di variazione della CRPM[1], biomarcatore che ha precedentemente dimostrato il valore predittivo della mortalità nella FPI, dal basale alla settimana 12, e la percentuale di soggetti con progressione della malattia, definita come declino assoluto previsto della FVC ≥10%, o mortalità nel periodo di 52 settimane.1

La terapia con nintedanib, rispetto al placebo nelle 12 settimane, non ha influenzato il tasso di variazione della CRPM, ma è stata associata a un minor declino della FVC.1

Il 29% dei soggetti arruolati in questo studio ha avuto un deterioramento previsto della FVC ≥10% o è deceduto nel periodo di 52 settimane di osservazione. Ciò evidenzia la natura progressiva della FPI anche in questa popolazione di pazienti con FVC prevista ≥80%.

 

Nel periodo di 12 settimane il tasso di deterioramento della FVC è stato inferiore nei pazienti trattati con nintedanib, rispetto a quello nei soggetti a placebo (5,9 (18,5) mL/12 settimane nel gruppo nintedanib e −70,2 (13,1) mL/12 settimane nel gruppo a placebo).

“Persino in questa popolazione di pazienti, con funzionalità polmonare ben preservata, è stata dimostrata una differenza in termini di minor declino della capacità vitale forzata nel periodo di trattamento di 12 settimane con nintedanib, rispetto al placebo. Considerando la natura imprevedibile della FPI e l’irreversibilità della perdita di funzionalità respiratoria, i risultati rafforzano il crescente corpus di evidenze, che indica, come miglior modo di procedere, l’avvio precoce della terapia nella FPI”, ha commentato il Professor Toby Maher, Specialista di Medicina Respiratoria presso il Royal Brompton Hospital di Londra e principale sperimentatore dello studio.

La Dottoressa  Susanne  Stowasser, Condirettrice della Medicina Respiratoria di Boehringer Ingelheim, ha dichiarato che “la ricerca sui biomarcatori è un fattore ‘chiave’ per la medicina moderna e contribuisce fortemente a migliorare le conoscenze sulla salute e sulle patologie, sulla diagnosi, sullo sviluppo farmaceutico e sulla predittività dell’evoluzione delle malattie stesse, oltre che sulla risposta alle terapie. INMARK è stato il primo studio clinico a indagare il valore predittivo dei biomarcatori in pazienti affetti da FPI, trattati con un antifibrotico. Per aumentare le conoscenze sulla malattia, la FPI è stata oggetto, negli anni, di crescenti ricerche sui biomarcatori, focalizzate principalmente a individuare marcatori di prognosi”. La Dottoressa Stowasser ha, poi, aggiunto che “la Fibrosi Polmonare continua ad avere un terribile impatto sulle vite delle persone e Boehringer Ingelheim è impegnata a condurre studi come INMARK, che contribuiscono a migliorare le conoscenze sui meccanismi di progressione delle interstiziopatie polmonari come la FPI negli specifici pazienti e individuare chi può meglio rispondere alle terapie”.

 

Lo studio INMARK®

INMARK® ha coinvolto 347 pazienti (116 trattati con nintedanib e 231 nel braccio a placebo) e valutato il tasso di variazione della CRPM dal basale alla settimana 12 (espresso in ng/mL/mese) e la percentuale di soggetti con progressione della malattia definita come declino assoluto previsto della FVC ≥10% o mortalità su un periodo di 52 settimane.

La terapia con nintedanib non ha influenzato il tasso di variazione dei livelli ematici dei neoepitopi della CRPM nel periodo di 12 settimane, rispetto al placebo.1 Nel periodo di 12 settimane, il tasso di deterioramento della FVC è stato inferiore nei pazienti trattati con nintedanib, rispetto a quello dei soggetti a placebo.1 Nei pazienti che hanno ricevuto placebo nel periodo di 12 settimane, livelli in aumento della CRPM sulle 12 settimane sono stati associati a progressione della malattia a 52 settimane.1

Nella popolazione di pazienti di questo studio, che al basale presentava una FVC media prevista del 97,5%, un valore ritenuto indicativo di volume respiratorio ben preservato, oltre un quarto, a 52 settimane, ha avuto una progressione della malattia (declino previsto della FVC ≥10% o mortalità).1 La capacità vitale forzata (FVC) misura il volume d’aria espirato con una espirazione forzata dopo un’inspirazione massimale. A mano a mano che la fibrosi polmonare idiopatica progredisce, la funzionalità polmonare si deteriora in maniera progressiva e irreversibile5 e questo deterioramento è rilevato dal declino della FVC.

La Fibrosi Polmonare Idiopatica (FPI)

La Fibrosi Polmonare Idiopatica è una malattia polmonare rara, invalidante e dall’esito infausto, che colpisce circa 3 milioni di persone nel mondo. L’evoluzione della FPI è variabile e imprevedibile ma, con il passare del tempo, la funzionalità polmonare di chi ne è colpito si deteriora progressivamente e in modo irreversibile.

Per maggiori informazioni sulla fibrosi polmonare idiopatica, visitate il sito www.lifewithipf.com.